I famosi mercati di Palermo

I legami storici di Palermo con il mondo arabo e la sua vicinanza al Nord Africa sono fortemente riflessi nella vita rumorosa della strada del centro antico della città e non è più evidente che nei mercati. Risalente al regno saraceno del IX secolo dell'isola, i mercati all'aperto della Sicilia condividono molte caratteristiche con i souk arabi; la vivace vitalità del commercio. I mercati siciliani di strada ci introducono ad un mondo di sensi elevato; con viste, odori e suoni, spruzzi di colori brillanti, venditori rumorosi di strada e l'aroma di cibi curiosi ci fa venire l'acquolina in bocca.

Ognuno dei quattro quartieri storici di Palermo ha un proprio mercato, ma la Vucciria, il Ballarò e il Capo sono i tre grandi in termini di fascino storico e popolarità con i locali e con i turisti. Infatti, alcuni dei nomi - come il Ballarò di Palermo - sono di origine araba e i mercati sono probabilmente il meglio conservato delle tradizioni dei suok arabi della Sicilia.

IL MERCATO DELLA VUCCIRIA
Forse il più "disordinato" dei tre principali mercati, con clienti di spessore, carrelli che vendono spuntini di strada, bancarelle piene di prodotti freschi e venditori ambulanti che spingono le loro mercanzie. Una volta il cuore della povertà di Palermo, la Vucciria illustra il vecchio divario tra i ricchi e poveri della Sicilia degli anni Cinquanta. Tuttavia, questa è ancora una delle aree più affascinanti da esplorare..

IL MERCATO DI BALLARO'
Questo mercato è pieno di bancarelle che mostrano un'abbondanza di prodotti per la casa, vestiti e prodotti alimentari di ogni descrizione possibile e questo è il luogo dove molti dei Palermitani fanno il loro shopping quotidiano. Si estende per diversi isolati della città, a sud-est di Palazzo dei Normanni, è il mercato stradale più trafficato di Palermo, che pulsa di vità anche nella prima serata. un mix affascinante di rumori, odori e vita di strada, ed è davvero il posto più economico per tutto: da biancheria intima a prodotti freschi, pesce, carne, olive e formaggi..

IL MERCATO DEL CAPO
Il Mercato di Capo si estende attraverso un groviglio di piccole corsie e vicoli dell'Albergheria e dei quartieri Capo, è il più caratteristico di tutti i mercati. Origina da Via Sant'Agostino e termina a Porta Carini. Qui, carcasse di carne penzolanti da pesanti ganci, tonni freschi e lucidi e pesce spada sono sventrati e preparati in modo esperto. L'odore inebriante di file su file di formaggi superbamente esposti display su una lunga fila di bancarelle. Vasche enormi di olive, frutti colorati e verdure fresche e lucide ornano altre bancarelle.

Un quarto mercato, il mercato dell'antiquariato di Piazza Peranni, si trova dietro il palazzo del vescovo di Corso V. Emmanuele ed è ottimo luogo per passeggiare attraverso la cultura.

COSA ASPETTARSI
I mercati sono aperti dalle 7 alle 20 da lunedì a sabato, ma chiudono alle 13 del mercoledì. Le mattine sono molto, molto impegnate nei giorni di mercato.

Anche se non hai fame quando arrivi, l'odore di dalla stigghiola affumicata e dalla panella fritta è garanzia per un appetito. Qui potete dimenticare i ristoranti premiati Michelin e i menù turistici; se ti hanno insegnato che mangiare in strada era un'abitudine sbagliata, allora qui devi dimenticarlo alla svelta! Tutti lo fanno. Non importa quali siano i Palermitani - business, shopping, commuting, romancing - tutti godono di buffitieri, piccoli spuntini caldi preparati alle bancarelle e ideati per essere mangiati subito.

Potresti iniziare la mattina con un pane e panelle, famosi frittelle di ceci di Palermo o gustare le crochhè (crocchette di patate, spesso aromatizzate con menta fresca). Quagile è anche popolare - letteralmente tradotto come quaglie, è in realtà una melanzana che è stata tagliata in senso longitudinale e sbucciata per somigliare alle piume degli uccelli, poi fritta. Lo Sfincione è una pizza oleosa e spugnosa con cipolle e formaggio di caciocavallo oppure si può provare le Scaccie che sono dischi di pasta di pane, riempiti e arrotolati in una frittella. Durante l'estate i locali offrono anche di brioche ripieni di gelato o granita, il rinfrescante sapore di ghiaccio schiacciato - L'originale granita siciliana, risalente a secoli addietro.

Mentre il pomeriggio avanza, gli spuntini di strada diventano leggermente più carnivori; quindi sarà possibile assaggiare la stiggahiola - intestini caprini pieni di cipolle, formaggio e prezzemolo. Oppure qualche pani ca meusa che è un pan di pane ripieno di milza di manzo salata? Se scegliete questo, ti verrà spesso chiesto se la vuoi 'schietta' (single) o 'maritata' (sposato). Se si sceglie l'opzione singola si otterrà solo il rotolo riempito di ricotta prima di essere immerso nel lardo bollente; se scegli la versione sposata, otterrai anche la milza di manzo.

Redazione Sicilyway.it

Pubblicato il 04/06/2017
Categoria: Arte e cultura

Condividi notizia

Facebook Twitter Google+